Piano di Formazione 2019-’22

PIANO DI FORMAZIONE DOCENTI - triennio 2019-'22

Titolo del Piano

TRA IL DIRE E IL FARE

La formazione come “spazio intermedio” tra pensiero e azione, per la crescita professionale e organizzativa

Ci vorrebbe don Milani, e un

Le azioni formative, predisposte in accordo con i Dirigenti scolastici della Rete e in riferimento alle proposte pervenute dall’USR, si articoleranno per ciascuna delle aree su due distinti livelli:

PRIMO LIVELLO: INQUADRAMENTO TEORICO E NORMATIVO DELLA TEMATICA, con l’attenzione da parte del formatore a contestualizzare sui diversi ordini di scuola;

  • DESTINATARI: insegnanti interessati di ogni ordine e grado

SECONDO LIVELLO: RICERCA-AZIONE, con l’attenzione da parte del formatore a bilanciare le dimensioni teorica e pratica e a contestualizzarne la circolarità virtuosa sui diversi ordini di scuola attraverso micro-sperimentazioni;

  • DESTINATARI: insegnanti motivati da un particolare interesse o da una specifica competenza, anche designati dalla scuola in virtù di incarichi specifici (tutor, coordinatori, referenti, Funzioni strumentali …).

AREA 1

Educazione Civica con particolare riguardo alla conoscenza della Costituzione e alla cultura della sostenibilità (Legge 92/2019 e Linee Guida per l’Educazione Civica; Carta della terra e Agenda 2030)

VINCOLI DI CONTENUTO

nella progettazione degli interventi formativi

 

N.B. adeguabili nel corso del triennio

Nuclei tematici evidenziati dalla Rete Cittadinanza da porre a tema del percorso formativo:

˜ percorso 1.A (n. 25 ore)

·         Educazione civica e competenze di cittadinanza – inquadramento culturale e normativo; aggiornamento dei curricoli e del PTOF alla luce delle Linee guida per l’insegnamento dell’educazione civica.

  • La valutazione delle competenze di Cittadinanza nell’ottica della trasversalità e dell’interconnessione dei saperi: analisi dei risultati e dei processi, strumenti di valutazione.
  • Cittadinanza attivacome promuovere/favorire dialogo e collaborazione con famiglie e territorio; verso nuove alleanze educative (patto territoriale di comunità, Patto di corresponsabilità educativa) 

˜ percorso 1.B (n. 25 ore)

·         Cittadinanza interculturale – comprensione e apprezzamento delle differenze culturali; riconoscimento del valore del dialogo con il “diverso” come fondamento della convivenza civile; valorizzazione della responsabilità personale nella vita collettiva; strumenti di lavoro, esperienze, buone pratiche interculturali.

˜ percorso 1.C (n. 25 ore)

·         Cittadinanza digitale: curricolo, progettazione didattica, strumenti e metodi di valutazione – essere cittadini digitali: che cosa significa e cosa comporta; come si declina la competenza digitale; promozione delle competenze trasversali attraverso l’uso degli strumenti digitali; impiego critico e consapevole della Rete esprimendo e valorizzando sé stessi, proteggendosi dalle insidie (plagio, truffe, adescamento…), e nel rispetto della legge (rispetto della privacy, del diritto d’autore…).

˜ percorso 1.D (n. 25 ore)

  • Educazione alla Cittadinanza sostenibile in riferimento ai principali riferimenti internazionali, con particolare attenzione per la Carta della Terra e per Agenda 2030: la visione sistemica; i principi dell’Educazione Sostenibile; l’economia circolare; l’importanza e la coerenza di essere e fare “rete” per un futuro sostenibili; i contenuti di Carta della Terra e di Agenda 2030; atteggiamenti, metodi e attività in grado di favorire lo sviluppo contestualizzato di sensibilità ecologica.

VERIFICHE FINALI

Il prodotto finale sarà costituito dalla revisione dei documenti prodotti dai corsisti durante:

–       le attività in FAD (PRIMO e SECONDO LIVELLO)

–       le micro-sperimentazioni con gli alunni (SOLO SECONDO LIVELLO)

DURATA

PRIMO LIVELLO: n. 4 + 1 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone (letture, esercitazioni e documentazione finale)

SECONDO LIVELLO: n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone/in presenza connesse alle micro-sperimentazioni.

EDIZIONI

per annualità, incrementabili nel triennio

PRIMO LIVELLO: fino a n. 3 edizioni in base al n. degli iscritti, raggruppati in base all’ordine di scuola.

SECONDO LIVELLO: n. 1 edizione per ciascuno dei percorsi

 

AREA 2

Sviluppo di competenza per la cittadinanza digitale. Atteggiamenti, conoscenze e abilità da promuovere nelle figure adulte di riferimento: insegnanti, educatori, genitori.

VINCOLI DI CONTENUTO

nella progettazione degli interventi formativi

 

N.B. adeguabili nel corso del triennio

La competenza digitale presuppone l’interesse per le tecnologie digitali e il loro utilizzo con dimestichezza, spirito critico e responsabile per apprendere, lavorare e partecipare alla società (Raccomandazioni del Consiglio sulle Competenze Chiave per l’Apprendimento permanente, maggio 2018).

LE COMPETENZE DI BASE: comunicazione tramite e-mail; scrittura di documenti di testo in formato digitale, condivisione in ambienti cloud.

  • Conoscere e usare Internet come luogo in cui si cercano e trovano informazioni, in cui si comunica, in cui si condivide e si lavora;
  • Usare uno strumento di scrittura digitale
  • Il computer con le sue periferiche
  • Conoscere il valore pedagogico delle tecnologie digitali

LE COMPETENZE DI PEDAGOGIA E DIDIDATTICA DIGITALE

  • Progettare la didattica nella Scuola digitale
  • Valutazione con le tecnologie digitali e delle competenze digitali
  • INCLUSIONE

LE COMPETENZE ORGANIZZATIVE E DI GESTIONE DEI PROCESSI

E-SAFETY

VERIFICHE FINALI

Il prodotto finale sarà costituito dalla revisione dei documenti prodotti dai corsisti durante:

–       le attività in FAD (PRIMO e SECONDO LIVELLO)

–       le micro-sperimentazioni (SOLO SECONDO LIVELLO)

DURATA

PRIMO LIVELLO: n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone (letture, esercitazioni e documentazione finale)

SECONDO LIVELLO: n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone/in presenza, connesse alle micro-sperimentazioni.

EDIZIONI

per annualità, incrementabili nel triennio

PRIMO LIVELLO: n. 1 edizione

SECONDO LIVELLO: fino a n. 3 edizioni a partire dalla seconda annualità del Piano di Formazione triennale.

 

AREA 3

STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) e STEAM (Science, Technology, Engineering, Art and Mathematics) – STRUMENTI, METODI, STRATEGIE per una progettazione integrata dell’area matematico-scientifico-artistico-tecnologica

VINCOLI DI CONTENUTO

nella progettazione degli interventi formativi

 

N.B. adeguabili nel corso del triennio

 

 

 

 

 

 

 

L’esigenza di sviluppare sul piano didattico approcci operativi integrati per far acquisire agli alunni competenze scientifiche, tecnologiche, costruttive e matematiche caratterizzate da processi e metodologie laboratoriali che riescono a collegare linguaggi, conoscenze, abilità afferenti a discipline diverse dal punto di vista teorico, ma connesse invece sul piano reale, richiede risposte formative che facciano sperimentare ai docenti modalità di lavoro direttamente trasferibili nelle classi.

La natura stessa dI STEM e STEAM si pone come approccio didattico che lega due livelli: quello laboratoriale per progetti e quello dell’attivazione di competenze trasversali supportate da strategie di problem solving collaborativo.

 

La didattica laboratoriale per progetti dovrà fornire ai docenti gli strumenti per l’approfondimento dei processi:

  • di matematizzazione e programmazione anche attraverso l’utilizzo di software dinamici e di animazione 3D:
  • –       making,
  • –       tinkering,
  • –       coding,
  • –       robotica educativa;
  • di creazione e utilizzo di contenuti multimediali, musicali e visivi secondo la metodologia STEAM:
  • –       video editing,
  • –       arte e musica digitale,
  • –       musei virtuali.

Lo sviluppo di metodologie di problem solving collaborativo e la messa a fuoco di alcune competenze trasversali dovrà aiutare i docenti ad utilizzare operativamente percorsi didattici integrati sia nell’ambito STEM sia nell’ambito STEAM.

Altre attenzioni a livello di contenuto:

STEM/STEAM e curricolo verticale.

Strumenti per la progettazione e la valutazione di percorsi per lo sviluppo delle competenze STEM/STEAM in ambienti di apprendimento innovativi (ambienti digitali e atelier creativi).

La realtà virtuale e la realtà aumentata nella didattica delle STEM

VERIFICHE FINALI

Il prodotto finale sarà costituito dalla revisione dei documenti prodotti dai corsisti durante le attività in FAD e le micro-sperimentazioni con gli alunni

DURATA

n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone/in presenza connesse alle micro-sperimentazioni.

EDIZIONI

per annualità, incrementabili nel triennio

Fino a n. 3 edizioni in base al n. degli iscritti, raggruppati in base all’ordine di scuola.

 

AREA 4

L’impianto valutativo nella didattica per competenzemodalità, strumenti e procedure della valutazione DIAGNOSTICA, FORMATIVA e SOMMATIVA nel contesto dell’UDA

VINCOLI DI CONTENUTO

nella progettazione degli interventi formativi

 

N.B. adeguabili nel corso del triennio

 

 

 

 

 

 

 

Progettazione “a ritroso” e Unità di Apprendimento: come articolare il percorso annuale di insegnamento-apprendimento di una competenza in 4, max 5 obiettivi intermedi (ciascuno corrispondente a una Unità di Apprendimento).

Le fasi in cui si articola la progettazione di una Unità di Apprendimento:

  • 1)      la fase della preparazione della prestazione che valuterà lo sviluppo della competenza (ideazione del compito di prestazione o compito contestualizzato);
  • 2)      la fase diagnostica (VALUTAZIONE DIAGNOSTICA O PREVENTIVA), che ha l’obiettivo di dare informazioni all’insegnante sulla vicinanza o lontananza o sulla disponibilità (readiness) degli studenti ad apprendere il nuovo argomento;
  • 3)      la fase dell’insegnamento delle conoscenze, della comprensione profonda, delle abilità o del “cosa lo studente deve saper fare”:
  • quali sono le conoscenze e i concetti che gli studenti devono comprendere e familiarizzare;
  • quale “comprensione profonda” queste conoscenze devono produrre o suscitare;
  • cosa devono saper fare gli studenti con queste conoscenze;
  • 4)      la fase della VALUTAZIONE FORMATIVA (a piccoli passi) e della valutazione dopo linsegnamento, quali strumenti che l’insegnante usa per migliorare l’apprendimento dello studente, eventualmente per modificare le sue scelte didattiche, qualora si fossero dimostrate inefficaci per qualche studente, e infine per promuovere, prima della prova sommativa, una visione integrata del percorso compiuto;
  • 5)      la fase della valutazione sommativa o finale della competenza acquisita.

Strumenti di valutazione diagnostica, formativa e sommativa e loro impiego

VERIFICHE FINALI

Il prodotto finale sarà costituito dalla revisione dei documenti prodotti dai corsisti durante:

–       le attività in FAD (PRIMO e SECONDO LIVELLO)

–       le micro-sperimentazioni con gli alunni (SOLO SECONDO LIVELLO)

DURATA

PRIMO LIVELLO: n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone di letture/approfondimenti/esercitazioni e documentazione finale a cura del corsista.

SECONDO LIVELLO: n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone/in presenza connesse alle micro-sperimentazioni.

EDIZIONI

per annualità, incrementabili nel triennio

PRIMO LIVELLO: fino a n. 3 edizioni in base al n. degli iscritti, raggruppati in base all’ordine di scuola.

SECONDO LIVELLO: fino a n. 3 edizioni.

 

AREA 5

Realizzazione del sistema educativo integrato dalla nascita fino ai 6 anni (D.lgs. 65/2017 e Orientamenti pedagogici sui LEAD: legami educativi a distanza)

VINCOLI DI CONTENUTO

nella progettazione degli interventi formativi

 

N.B. adeguabili nel corso del triennio

PROGETTO EDUCATIVO ed OBIETTIVI STRATEGICI

CURRICOLO e NUOVE METODOLOGIE DIDATTICHE;

ATTIVITA’ e COMPETENZE del DOCENTE:

  • comunicazione ed empatica relazionale,
  • tecniche pedagogiche, ludiche e di animazione;
  • strumenti e procedure di osservazione, monitoraggio e valutazione;

PROCESSI DI CONDIVISIONE E PROGETTAZIONE PARTECIPATA:

  • progettare nella comunità educante,
  • cooperazione e partecipazione scuola-famiglia

NUOVE ALLEANZE EDUCATIVE SCUOLA, FAMIGLIA E TERRITORIO

VERIFICHE FINALI

Il prodotto finale sarà costituito dalla revisione dei documenti prodotti dai corsisti durante:

–       le attività in FAD (PRIMO e SECONDO LIVELLO)

–       Le micro-sperimentazioni con gli alunni (SOLO SECONDO LIVELLO)

DURATA

PRIMO LIVELLO: n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone di letture/approfondimenti/esercitazioni e documentazione finale a cura del corsista.

SECONDO LIVELLO: n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone/in presenza connesse alle micro-sperimentazioni.

EDIZIONI

per annualità, incrementabili nel triennio

PRIMO LIVELLO: fino a n. 3 edizioni in base al n. degli iscritti

SECONDO LIVELLO: fino a n. 3 edizioni in base al n. degli iscritti

 

AREA 6

Contrasto alla dispersione e all’insuccesso formativo

VINCOLI DI CONTENUTO

nella progettazione degli interventi formativi

 

N.B. adeguabili nel corso del triennio

Interessa agli Ambiti contestualizzare la tematica in riferimento all’esperienza in DaD:

strumenti per l’inquadramento e la lettura critica del fenomeno;

competenze e metodologie didattiche innovative per contrastare la dispersione scolastica;

la didattica digitale tra rischio e opportunità;

modelli di successo: le Life Skills come contrasto all’abbandono scolastico.

VERIFICHE FINALI

Il prodotto finale sarà costituito dalla revisione dei documenti prodotti dai corsisti durante:

–       le attività in FAD (PRIMO e SECONDO LIVELLO)

–       le micro-sperimentazioni con gli alunni (SOLO SECONDO LIVELLO)

DURATA

PRIMO LIVELLO: n. 4 + 1 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone (letture, esercitazioni e documentazione finale)

SECONDO LIVELLO: n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone/in presenza connesse alle micro-sperimentazioni.

EDIZIONI

per annualità, incrementabili nel triennio

PRIMO LIVELLO: n. 1 edizione

SECONDO LIVELLO: fino a n. 3 edizioni a partire dalla seconda annualità del Piano di Formazione triennale.

 

AREA 7

Bisogni Educativi Speciali

VINCOLI DI CONTENUTO

nella progettazione degli interventi formativi

 

N.B. adeguabili nel corso del triennio

˜ percorso 7.1 (n. 25 ore)

I Bisogni Educativi Speciali nel quadro normativo italiano e il profilo delle competenze professionali e specifiche del docente di sostegno.

“Sostegno al sostegno” – I “saperi di base” del docente di sostegno per un corretto esercizio dei compiti professionali (percorso per docenti non abilitati o di posto comune interessati alle problematiche inerenti disabilità, disturbi specifici di apprendimento, varie forme di svantaggio)

Affondi: Disturbi Specifici, Autismo, Didattica Speciale

 

˜ percorso 7.2 (n. 25 ore)

Nuove risorse digitali per la didattica inclusiva. Strumenti, risorse, strategie.

 

˜ percorso 7.3 (n. 25 ore)

Iperattivi, oppositivi, aggressivi. Dal profilo alla progettazione degli interventi in una logica sistemica e integrata. Strumenti e strategie per il contenimento, anche da condividere con i colleghi del team docente e con il personale educativo e non docente.

 

˜ percorso 7.4 (n. 25 ore)

La relazione con le famiglie e con i servizi del territorio. Comprensione empatica, approccio dialogico e integrato, nuove alleanze educative.

 

VERIFICHE FINALI

Il prodotto finale sarà costituito dalla revisione dei documenti prodotti dai corsisti durante:

–       le attività in FAD (PRIMO e SECONDO LIVELLO)

–       le micro-sperimentazioni con gli alunni (SOLO SECONDO LIVELLO)

DURATA

PRIMO LIVELLO: n. 4 + 1 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone (letture, esercitazioni e documentazione finale)

SECONDO LIVELLO: n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone/in presenza connesse alle micro-sperimentazioni.

EDIZIONI

per annualità, incrementabili nel triennio

PRIMO LIVELLO: fino a n. 3 edizioni (percorso 7.1)

SECONDO LIVELLO: fino a n. 3 edizioni (percorsi 7.2, 7.3, 7.4)

 

AREA 8

Linee guida per i percorsi per le competenze trasversali e di orientamento (D.M.774/2019): dalla progettazione alla certificazione dei PCTO

VINCOLI DI CONTENUTO

nella progettazione degli interventi formativi

 

N.B. adeguabili nel corso del triennio

Dall’Alternanza Scuola lavoro ai PCTO. Presentazione del quadro teorico e normativo

Attività e analisi da svolgere in maniera preliminare rispetto all’inizio dei percorsi; progettazione dei PCTO, con attenzione particolare alle attività di orientamento

Project-work: definizione, progettazione (identificazione delle competenze, i diversi step e loro valutazione, gli attori), la documentazione, il ruolo del consiglio di classe, tutor interno

Compiti reali e valutazione della progressione del processo formativo: come fare? Griglie, rubriche, curriculum dello studente: quali sono gli strumenti da conoscere e come utilizzarli?

Come cambia il ruolo del tutor interno? Quali sono i compiti del Consiglio di classe?

PCTO e PTOF: quale relazione? Che cosa cambia per l’esame di stato a seguito delle nuove linee guida?

VERIFICHE FINALI

Il prodotto finale sarà costituito dalla revisione dei documenti prodotti dai corsisti durante:

–       le attività in FAD (PRIMO e SECONDO LIVELLO)

–       le micro-sperimentazioni con gli alunni (SOLO SECONDO LIVELLO)

DURATA

PRIMO LIVELLO: n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone di letture/approfondimenti/esercitazioni e documentazione finale a cura del corsista.

SECONDO LIVELLO: n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone/in presenza connesse alle micro-sperimentazioni.

EDIZIONI

per annualità, incrementabili nel triennio

PRIMO LIVELLO: n. 1 edizione

SECONDO LIVELLO: n. 1 edizione

 

AREA 9

Obblighi in materia di sicurezza e adempimenti della Pubblica Amministrazione (privacy, trasparenza)

VINCOLI DI CONTENUTO

nella progettazione degli interventi formativi

 

N.B. adeguabili nel corso del triennio

Il corso intende fornire quell’insieme di conoscenze e competenze fondamentali per la corretta attuazione, nell’ambito delle attività svolte dai docenti, della normativa vigente in materia in materia di trasparenza, intesa quale misura primaria per la prevenzione della corruzione, con particolare riferimento al D.Lvo N.33/2013, come modificato dal D.Lvo N. 97/2016.

Riguardo al tema della privacy, è fondamentale che la scuola tratti correttamente tutte le informazioni degli studenti e delle loro famiglie e riesca a trasmettere ai ragazzi la consapevolezza del diritto alla riservatezza propria e altrui. Si vogliono offrire elementi di riflessione e indicazioni per rispondere ai molteplici quesiti che provengono dalle famiglie e dalle istituzioni in merito a:

 

  • a.     trattamento dei dati sensibili degli studenti (in particolari quelli riferiti a condizione di salute o convinzione religiose);
  • b.     regole da seguire per la pubblicazione dei dati sul sito della scuola o per la comunicazione alle famiglie;
  • c.     uso corretto di tablet e smartphone nelle aule scolastiche;
  • d.     cautele da adottare nella gestione dei dati riferiti ad allievi dsa
  • e.     uso corretto delle nuove tecnologie al fine di prevenire atti di cyberbullismo

VERIFICHE FINALI

Il prodotto finale sarà costituito dalla revisione dei documenti prodotti dai corsisti durante le attività in FAD

DURATA

n. 5 INCONTRI di 3 ore l’uno per un totale di 25 ore di cui 15 in modalità sincrona e 10 in modalità asincrone (letture, esercitazioni e documentazione finale).

EDIZIONI

per annualità, incrementabili nel triennio

PRIMO LIVELLO: n. 1 edizione